Corsi di Ballo Liscio e da Sala

I corsi di Ballo Liscio e da Sala di intramontabile interesse che tutti dovrebbero conoscere

Corsi Ballo Liscio e da Sala

Possiamo affermare che i Corsi Ballo Liscio e da Sala sono intramontabili, sempre in cima ai gusti del pubblico. Queste danze, così richieste e amate dal pubblico degli appassionati delle balere e dei dancings, sono due distinte specialità da tempo codificate così:

  • Ballo liscio: Valzer veloce, Polka e Mazurka
    (espressione tipicamente italiana)
  • Danze da sala: Valzer lento, Foxtrot e Tango
    (all’estero denominato “Social Dance”)

Noi ve le proponiamo, con corsi collettivi dedicati a cadenza settimanale.

Impareremo i segreti per poter ballare, con sicurezza e disinvoltura, non schiacciandosi i piedi…, senza essere goffi e insicuri e guidando (o essendo guidati) con naturalezza le figure di questo ricco repertorio. E non è necessario essere in coppia.

E’ possibile prenotare corsi di lezioni su appuntamento con programmi personalizzati e coreografie da esibire i svariati contesti.

Percorreremo insieme la storia di questi generi imparando danze che oggi sono espressione di “bon ton” per chiunque voglia sapersi disimpegnare socialmente.

Poi, con chi vuole, ci esibiremo pure a teatro e in qualche festa indetta dal nostro Dance Studio.

Corsi di ballo Liscio e da Sala

Quando?

 

ogni martedì e venerdì sera dalle ore 20 in poi

corsi per singoli, coppie e gruppi

Vedi l'orario corsi

Vuoi provare?

 

Prenota subito la tua lezione di prova!

Gratuita nei mesi di: settembre, gennaio, aprile

Richiedi una lezione gratuita

Un po’ di storia

Fino al 1984 sia il ballo liscio (valzer, mazurka e polka) che le danze da sala (foxtrot, valzer lento e tango) erano praticati nelle balere e dancings italiani con differenti stili e interpretazioni su base regionale (piemontese, ambrosiano, ligure e il famoso romagnolo).

Da quella data, i corsi di ballo liscio e da sala, attraverso un lavoro di sintesi dal Consiglio Italiano del Ballo (di cui sono stato presidente), questi generi abbandonarono i propri retaggi provinciali, per assumere l’identità nazionale della “Danza sportiva italiana”.