Novità

In attesa di riabbracciarci

Carissimi allievi e amanti di danza e ballo,
in attesa di riprendere a interpretare nel miglior modo la vita, a suon di valzer, hip hop, lindy hop, tango e dintorni, vi esortiamo e seguire le indicazioni degli esperti. State a casa e seguite i nostri tutorial dai nostri spazi social.

Per la ripresa dell’attività che speriamo sia prossima, noi della scuola di danza Marlon Giuri, stiamo realizzando da casa un fitto programma di eventi ricco di sorprese per voi.
Ragazzi, resistiamo! Presto saremo di nuovo insieme pronti per continuare il nostro viaggio danzante.

Elena Ferrari e Marlon Giuri

Il libro delle danze caraibiche

Giunto alla terza edizione, è la più completa guida ai balli latini del centro America.
dal mambo alla salsa, dal cha cha cha al merengue, dalla conga alla bachata, il testo esponei digrammi completi di ben 195 figure con le note tecniche di ognuna.
Si è attinto dalle fonti più autorevoli e qualificate. Tra queste citiamo:
-L’Istituto superiore di Arte di Cuba;
-La scuola stabile di danza del Tropicana de L’Havana;
-L’escuela nacional del baile de L’Havana.


Corredato da un’ampia introduzione contenente cenni storici e informazioni musicali, il volume ètesto ufficiale d’esameprofessionale S.I.M.D. (Società Italiana dei Maestri di Danza).
È un libro dedicato a chi ama la musica latina e a chi non solo ama le danze caraibiche ma soprattutto le balla.

Provare per credere!

“Corriere della sera del 12 settembre 2018”

 

 

di Mario Pappagallo

 

Napoli, congresso della Società italiana per la prevenzione cardiovascolare. Di scena la danza. Non si pensi ai congressisti che si mettono a ballare, anche se non sarebbe male dare ritmo alle relazioni scientifiche, ma un nuovo rimedio per prevenire la pressione alta o addirittura farla abbassare se tende a salire oltre la norma. E non solo la pressione. Un’intera sessione del congresso è stata dedicata a questo piacevole esercizio fisico definito «d’eccellenza» proprio per combattere ipertensione e altre patologie cardiovascolari, che in Italia sono responsabili del 41% dei decessi. L’80% di queste malattie è attribuibile a fattori di rischio comportamentali che possono essere facilmente modificati quali fumo e alcool, dieta non sana e soprattutto inattività fisica. Più in generale, questi quattro stili di vita errati sono alla base dell’86% di tutte le malattie non trasmissibili. Cancro incluso. La loro correzione non solo è prevenzione, ma addirittura cura. I medici inglesi ormai prescrivono l’attività fisica come fosse un farmaco, specificando sulla ricetta intensità e tempi. Allo stesso modo dei dosaggi dei farmaci.

 

 

I benefici per il fisico…

Recenti studi internazionali hanno identificato i benefici che la danza porta ai pazienti over 60 (in realtà vale per tutte le età), dimostrando che, a prescindere dallo stile praticato, è utile per migliorare forza e resistenza muscolare, agilità, equilibrio e coordinazione, e prevenire osteoporosi e rischi cardiovascolari. Obesità e diabete. Patologie neurodegenerative. Ecco l’elenco dei benefici, e non sono pochi. 1) Aiuta il cuore. Uno studio italiano ha dimostrato che le persone con insufficienza cardiaca che praticano il ballo come attività fisica migliorano la salute cardiaca, la respirazione e la qualità della vita in modo significativo rispetto a chi, per esempio, va in bicicletta o usa il tapis roulant per fare esercizio. 2) La perdita di peso è un altro beneficio del ballo, se praticato con costanza. Uno studio pubblicato sul Journal of Physiological Anthropology ha dimostrato che la pratica costante di danza di tipo aerobico permette di perdere chili di troppo, alla pari del ciclismo e dello jogging. 3) Dà iniezione di energia: secondo una ricerca pubblicata sul The Scholarly Publishing and Academic Resources Coalition, un programma settimanale di ballo può migliorare il rendimento fisico ed aumentare i livelli d’energia negli adulti. 4) Flessibilità muscolo-tendinea, forza e resistenza. La maggior parte delle lezioni di danza inizia con un riscaldamento che include diversi esercizi di stiramento. Quando si balla, bisogna sforzarsi per aumentare la capacità di movimento di tutti i gruppi muscolari. E l’elasticità è una delle caratteristiche da non sottovalutare e che aumentano ballando. È come oliare le serrature. Danzare inoltre aumenta la forza, poiché costringe i muscoli a opporsi a gravità e peso corporeo. In molti tipi di ballo, incluso il jazz e la danza classica, sono presenti salti in aria che richiedono grande resistenza dei principali muscoli delle gambe.

 

 

… e per l’anima

C’è poi il punto 5, che riguarda positività e felicità. Se si osserva una persona mentre balla, è quasi sicuro vederle un gran sorriso sul viso. Divertirsi mentre si balla è del tutto normale. 6) Elimina lo stress e la depressione. È stato dimostrato che uno dei benefici del ballo è quello di aiutare a prevenire lievi forme di depressione e di migliorare l’autostima della persona che lo pratica. Da sottolineare che la depressione sta diventando un problema crescente tra gli adolescenti e gli adulti di qualsiasi età. Uno studio pubblicato sull’International Journal of Neuroscience dimostra che il movimento del ballo regola i livelli di serotonina e dopamina nel corpo. Infine, ballare è un’attività sociale che contribuisce a superare il senso di isolamento tipico delle persone depresse e di chi vive solo. 7) Autostima. La danza aiuta ad essere più sicuri di sé. Diversi studi hanno dimostrato che i forti legami interpersonali e la socializzazione con i compagni di ballo contribuiscono ad aumentare la propria autostima e ad avere un atteggiamento positivo. Ballare, inoltre, offre molte opportunità di conoscere nuove persone.

 

 

I benefici per il cervello

Il ballo, e siamo al punto 8, migliora anche la memoria. Secondo uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine, il ballo può aumentare la memoria e prevenire la comparsa di demenza man mano che si invecchia. L’attività aerobica sembra anche contrastare la perdita di volume dell’ippocampo, la parte del cervello che controlla la memoria. 9) Contrasta l’Alzheimer. Uno studio condotto su uomini della terza età, pubblicato sempre sul New England Journal of Medicine, ha dimostrato che ballare spesso aiuta a contrastare l’insorgenza dell’Alzheimer e di altre forme di demenza. È stato dimostrato anche che alcune persone affette da Alzheimer sono in grado di recuperare certi ricordi quando ballano musiche loro familiari. 10) Incrementa le capacità cognitive. Non solo fisico, ma anche mente. È stato dimostrato che ballare aumenta l’intelligenza perché richiede decisioni rapide (pochi secondi) e ciò preserva e migliora l’acutezza mentale. Prendendo lezioni di ballo, inoltre, vengono attivati nuovi automatismi fisici e attivate nuove connessioni neuronali. Le lezioni più difficili sono le migliori, poiché implicano una maggiore necessita di nuove connessioni neuronali.

Salsa e Bachata: i Balli del 2020

Salsa e bachata saranno i balli del 2020? Penso proprio di si!
Si sa che il pubblico oggi è sempre più volubile e facile preda delle mode e dei Social. Ma le danze caraibiche, soprattutto salsa e bachata restano in vetta alle preferenze degli appassionati di ballo.
L’anno che si è appena concluso ha visto il trionfo planetario del Lindy hop e della musica swing e prima ancora c’è stata la magia del tango argentino che ha contagiato i cuori di milioni di ballerini.

Adesso è di nuovo febbre per le danze cubane, a cominciare dalla scatenata salsa, e di quelle dominicane più lente, dolci, romantiche. Chissà, forse molti si stanno preparando per una estate piena di divertimento: sole, mare e ballo.
E chi non li sa ballare?… Va a scuola! I nostri corsi sono una ghiotta occasione per aggiornarsi, fare del sano movimento e dare ristoro alla nostra anima sempre troppo soffocata dalla quotidianeità.

Quindi, parola d’ordine: “Vamos ad apprender como bailar salsa y bachata”. Vi aspetto con le nostre nuova proposte.

Natale: cosa balleremo?

Feste di Natale: nelle famiglie di tutto il mondo si procede a celebrare il Santo Natale dell’anno 2019. Quasi in ogni casa si allestisce l’albero di Natale o, i più devoti,il Presepe.
In ogni angolo del paneta, a suon di Cenoni sempre troppo sopra le righe, si pensa anche al Veglione di Capodanno in attesa dell’anno nuovo. Tutto naturalmente carico di fastosi e fastidiosi botti e fuochi d’artificio che procurano incidenti a volte anche seri.

Noi, invece,  vi suggeriamo di unire a quelle gioie anche un po’ di sano movimento. Celebrate e onorate le feste di Natale ballando un classico valzer lento sulle note di “Silent Night”. E per il 31 dicembre scatenatevi con uno swing del tipo “In The Mood” del grande Glenn Miller, oppure con un passionale tango argentino.

Vi garantisco che vivrete meglio le feste di Natale e in maniera originale. Più “social” di qualunque social. Questi momenti, al di là delle frenesie digitali di questi tempi -portatrici di solitudine-, restano per ciascuno di noi dei riti magici irrinunciabili.

Quindi: AUGURI a tutti al ritmo della danza che preferite! Non importa se lo fate in gruppo, da soli o in coppia, ma ballate!

Balli di gruppo? Si!

Perché la genta vuole imparare a danzare i balli di gruppo?

La risposta risiede proprio nel titolo: perché, non solo vuole fare movimento e ascoltare della buona musica, ma vuole soprattutto stare in compagnia. Praticati ovunque nei dancings, tra un cha cha cha e un foxtrot, generalmente vengono coordinati da un Leader che propone le sequenze al proprio gruppo. Ma può inserirsi chiunque, anche al momento, perché generalmente sono facili e intuitive… I balli di gruppo più popolari sono quelli che si ispirano ai balli in linea degli anni ’60 e ’70 fino al famoso “Gioca jouer” di Claudio Cecchetto.

Ricordate?
“Dormire, salutare,
autostop, starnuto,
camminare, nuotare

Sciare, spray, macho,
clacson, campana,
ok, baciare

Saluti, saluti,
Superman…”

Adesso vanno molto quelli che si ispirano alle movenze delle danze latino americane. Ma se non riesci a seguire per bene, puoi sempre imparare a ballare facendo qualche lezione presso una scuola di danza; magari la nostra…

Festa della danza da Marlon Giuri

Festa della danza alla Scuola di Danza Marlon Giuri. Siamo pronti a festeggiare il 45° anno di attività della nostra amata scuola!

Un’occasione che abbiamo deciso di festeggiare insieme a tutti i nostri allievi: il 2 lugio 2019 presso Dancing “La balera dell’Ortica” si terrà l’annuiale festa della danza. Alle ore 20.00 la cena e dalle ore 21.00 la serata danzante! Durante la serata si esibiranno i nostri allievi di lindy hop e mambo.
Per essere presenti alla cena: prenotazione a € 25,00 comprendente primo piatto, secondo con contorno, acqua, vino e caffè. Compreso l’ingresso al ballo.
Non mancate!
Prenotazione obbligatoria.

Lezioni di prova corsi primavera estate 2019

Vi invitiamo a partecipare ai nostri corsi primavera-estate! Prenota la tua lezione di prova gratuita

La nostra scuola di ballo offre lezioni e corsi di danza per allievi di ogni età, siano essi coppie, singoli o gruppi, con corsi su appuntamento o collettivi. Benché molti pensano di non essere portati, dopo poche lezioni mirate scoprono il divertimento di aver imparato uno strumento sociale estremamente potente.Prima di iscrivervi potete sempre effettuare una lezione di prova direttamente presso la scuola per capire quale corso di ballo seguire con la garanzia di un insegnamento valido, professionale e condotto con passione.

“Scuola di danza Marlon Giuri:

Oasi di benessere,

luogo di sognatori,

ritrovo di artisti del vivere”

dove la danza è tua amica.”

Nuovi corsi Gennaio 2019

Da Gennaio riaprono i corsi della scuola di danza Marlon Giuri.

La nostra scuola di ballo offre lezioni e corsi di danza per allievi di ogni età, siano essi coppie, singoli o gruppi, con corsi su appuntamento o collettivi. Benché molti pensano di non essere portati, dopo poche lezioni mirate scoprono il divertimento di aver imparato uno strumento sociale estremamente potente.
Prima di iscrivervi potete sempre effettuare una lezione di prova direttamente presso la scuola per capire quale corso di ballo seguire con la garanzia di un insegnamento valido, professionale e condotto con passione.

“Oasi di benessere,

luogo di sognatori,

ritrovo di artisti del vivere”

dove la danza è tua amica.”

Il ritorno del Lindy Hop

Il Lindy Hop è una delle espressioni più popolari e diffuse di uno stile scatenato e coinvolgente di musica jazz: lo swing (letteralmente: dondolarsi). È una danza molto libera e improvvisata sostenuta da una base ritmica di un periodo musicale di due battute (otto tempi o battiti) e dieci passi. La mia scuola di danza e ballo a Milano ha da sempre insegnato tutte queste danze. Partiamo dai corsi per principianti assoluti, fino ad arrivare, passando per livelli intermedi, ai vertici tecnici e artistici che tanto successo hanno negli show dance contests.

 

Il Lindy Hop è una danza che sta vivendo un momento di straripante successo, non solo in Italia ma anche in tutta Europa. Viene ballata oramai ovunque, sia con la musica offerta dai D.J., che con orchestre sempre più raffinate (composte anche da dieci e più elementi) in luoghi di dove puoi bere un drink, magari cenare e anche scatenarti nel ballo.

 

Il termine “Lindy hop” nacque spontaneamente al Savoy Ballroom di Harlem (quartiere di New York, celebrato tempio artistico della musica e della danza). La notte del 21 maggio 1927 Charles Lindberg (detto Mr. Lindy, aviatore americano figlio di immigrati svedesi) arrivò a Parigi sul suo aereo, lo “Spirit of St. Louis”, dopo aver trasvolato, da solo e senza scali intermedi, l’oceano Atlantico (da qui il gergo “hop”). Nacque così il termine Lindy Hop.

 

Inizialmente era ballato dalle popolazioni degli afro-americani. Quando anche i bianchi presero ad interessarsi al Lindy hop e ai suoi stili derivati (be bop, jive, boogie woogie, Jitterbug) questa danza diventò di interesse internazionale e, con l’aggiunta di virtuosimi e acrobazie, portò più tardi alla nascita del rock&roll.

 

Oggi il Lindy hop è richiestissimo da un pubblico etereogenico in cerca di un sano motivo per fare movimento, divertirsi, svagarsi e socializzare. Le lezioni possono essere Collettive o Private su appuntamento (singoli, coppie, mini-gruppi). E si può sempre fare una prova senza impegno.

 

× WhatsApp